Caso Meredith, un reality show

Notavo come il caso Meredith stia facendo scatenare l’opinione pubblica. Onestamente non lo sto seguendo perché i gialli portati avanti dalla Televisione lasciano molti vuoti che a me fanno avvelenare, tuttavia rimango sbalordito da come venga trattato quest’argomento e di come il pubblico sia influenzato in un certo qual modo da quello che dicono in generale i mass media. Mi dicevano che la televisione doveva sempre mantenere un tono di obiettività. A me pare che parta sparata con crociate sui giudici, senza tener conto del materiale fornito dai periti nell’iter processuale e le testimonianze degli accusati, ora assolti (a parte Guede, accusato in concorso di omicidio).
Per quanto sia scandalosa la sentenza secondo molte persone, rimane tutto un giallo e mi spiace dire che come al solito l’informazione tratta questi argomenti con una certa leggerezza, pensando più a far reagire il pathos del pubblico che altro.

Insomma, mi sembra di stare uno reality show. E sulla povera ragazza, almeno per ora, nessuna luce su come sia morta.
Questo ho capito. Il resto è chiacchiera da bar.
Mah.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Mattia Simoncelli

Matt Simon

Mi piace scrivere. Allena la mia mente. Questo blog resta la mia più grande palestra. Tratto principalmente i miei interessi e ciò che ruota intorno al mio lavoro. 
Aspiravo al giornalista sportivo, ma sono finito col fare il fotografo e i siti web da diversi anni ormai.