I rapporti sentimentali


"Le due finestre del discusso amore"

Più passa il tempo e più mi rendo conto di essere attratto da quelle donne (almeno per me che sono uomo) che hanno nella loro personalità tutto quello che io ho sempre desiderato, a prescindere da un rapporto che possa avere con loro.
Mi accorgo, però, di non comprendere quelle persone che si buttano nelle storie, vivendo più il rapporto in sé che l’apprezzare le qualità ed i difetti dell’altro.

E per carità, il tornaconto c’è e ci dovrebbe essere sempre, ma va da sé che se una persona già ti piace dal principio, tutto il resto va in secondo piano, compreso il modo di rapportarsi.

Passano gli anni e noto che le storie intorno a me tramontano più per il secondo fattore che per il primo.
Che forse questo sia uno dei motivi principali degli ormai diffusi divorzi?

Può darsi, anzi è sicuro.

Forse oggi viene a mancare troppo la personalità e ci sono pochi interessi.
Questo fa sì che si formino più coppie di circostanza, basate sull’occupare uno spazio vuoto o una lacuna, che quelle fondate su una stima profonda dell’altro.
Va detto anche che la mancata personalità va a confondere le idee dell’altro partner che può essere ingannato o spiazzato, col passare del tempo.

Il grosso problema è anche l’amore non corrisposto.
In una società come questa è facile cambiare bandiera in qualsiasi momento e senza scrupoli.
Chi ne paga le conseguenze è quello che si illude facilmente.

Mi sento di dire che…. che non lo so…. preferisco rimanere in silenzio ed osservare.

Saluti,
Mat

P.S.

RISPONDO QUI PERCHE’ HO PROBLEMI A LASCIARE COMMENTI NEI VOSTRI BLOG!


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su email

21 Responses

  1. Pensa che io osservo me stessa.
    Trovo che comunque ci sia una carenza nella personalità delle nuove generazioni, che oltre tutto va peggiorando man mano che si scende di età, che questi siano in coppia o meno. Bisognerebbe soffermarsi più sul singolo che sui rapporti amorosi che poi è chiaro che risentono di tutto ciò. E’ la società, intesa come maggioranza di persone, che tende ed insegna ad omologarsi alla massa e che trascina quindi il resto della popolazione, se non sei come loro sei "out". Fenomeno riscontrato soprattutto nei giovani di età inferiore ai 16-17.
    Oddio… Parlo come un medico! ^^’
    La finisco qua anche se potrei scriverci un trattato nonostante sia sotto medicinali pesanti per il mal di pancia. :D
    Un bacione. Mi piace quest’intervento. Ultimamente mi ci ritrovo parecchio nei tuoi. Coincidenza?

  2. Ciau Bello Romanaccio!Mhhhh..sinceramente sono rimasta perplessa per quest’intervento!Hai iniziato un argomento molto profondo e che colpisce un pò tutti quanti..ma non l hai esposto come sai fare tu..hai buttato giù alcune frasi..come se non fossi ispirato!Forse stai già scrivendo abbastanza per il lavoro..eheh..però non trascurare chi ti leggeeeee anche quii..io ormai non entro più così spesso come una volta..ma so bene cosa si prova nel leggere ciò che scrivi :) comunque vuoi il mio parere?beh..secondo me sta tutto nel fatto che l’uomo è sempre più immaturo..e la Donna sempre…………..meno Donna! Le storie non vanno avanti perchè non è più come una volta……prima conoscevi una persona e dopo un anno sapevi già che l avresti sposata!E ci avresti passato tutte la Vita assieme..perchè non esisteva per i tuoi occhi, guardarne altre! Forse prima la Vita era molto restrittiva..ma la maggior parte erano tutte Famiglie Felici! Oggi ci si sposa a 40 anni perchè a 30 stai ancora pensando……….ad altro! Il primo figlio è a 45 perchè vuoi goderti ancora un pò la Vita……..e poi..beh ci si ferma lì..perchè poi passa la voglia di stare dietro ad una piccola peste!!!!!!! E tutto inizia dai giovani..da quei ragazzini stupidi che si fermano alle apparenze..perchè non hanno voglia di viversi una vera storia..o perchè sono così scemi che non riescono a capire che esiste altro…….e le ragazzine?..per carità! Poi ci lamentiamo che la Donna non viene rispettata per quello che è….quando sono le nostre figlie..o le nostre cugine..a provocare..ad alludere….. e non capiscono neanche che stanno giocando ad un gioco pericoloso! Di Vere storie ormai……non se ne trovano più! Le uniche che esistono si rovino per stupide incomprensioni..gelosie infantili..discussioni banali che invece che ad un confronto ti portano a lasciarsi……….questa è immaturità!!Un immaturità che colpisce anche la gente adulta! Purtoppo! E non immagini quanto io sia sempre più delusa!!!!!!!! Va beh…….mi sono lamentata che non hai ampliato l argomento..ma ci ho pensato io!:D
     
    comunque sono passata per un altra cosa….l altra notte sono crollata e non t ho più risp..ma la mattina ho letto che mi hai scritto..una cosa tipo "eh in Italia ci sono pochi soldi" e io a questo argomento ci tengo parecchio..sia dal punto di vista economico che per quanto riguarda l università! Vedi.. credo che l Italia sia molto ricca.. non possono dirmi che in Italia non ci sono soldi (e credimi è una cosa che senti ovunque).. perchè ce ne sono..e anche tanti! Vengono "semplicemente" gestiti e divisi male (e penso che sia proprio questo che intendevi..) la Vita è cara per NOI.. cittadini normali..con uno stipendio normale.. ma girano davvero tantissimi soldi..così tanti..che si potrebbe davvero cambiare l intera Nazione! Ma cosa vogliamo? chi muove le pedine è la politica..e questa è quella che ce li ruba :D non possiamo pretendere no?per carità..è proprio uno schifo! E un tipo nel mio blog mi ha lasciato un commento assurdo………….che mi ha fatto rendere di conto di quanto la gente sia ignorante…e che se questa politica continua ad andare avanti..è anche grazie a questa gente che si fa prendere per il cul* come niente: mi ha detto ( a parte che Soru è un grande….ma che Qualcuno ce ne liberi) che chi è contro l arrivo dei rifiuti..è un ignorante..perchè i SOLDI andranno alla REGIONE  e quindi…………. A NOI!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ..a noi?!hauahuahauah mi sembra una barzelletta di pierino!
    Ma dove stiamo andando a finire Matty?Dai..mi consolo pensando che ci sono ancora persone intelligenti al mondo..poche..ma per fortuna qualche superstite a quest’epidemia c’è!!
    Ora vado a ninna!Ci sentiamo presto…….e scusa per il mega post (e non sai quanto altre ne ho da dire hauahuahau)
    Un Bacio Pippa del mio Cuore :********+
    Ely

  3. ciao mat,hai ragione ank’io preferisco i ragazzi ke hanno personalità,ma e anke difficile trovarli specialmente nella società in cui viviamo

  4. Anch’io la penso come te: molte persone si buttano nelle storie, vuoi per il timore di rimanere soli, vuoi perchè si prova a vedere se la storia funziona, senza essere veramente innamorati.
    Secondo me troppe volte ci si accontenta e questo, prima o poi, porta alla rottura.
    Che le famiglie non sono più come una volta è vero. Io osservo i miei genitori che tra alti e bassi sono insieme da 45 anni (e penso che di gran lunga abbiano superato più problemi loro che le generazioni di oggi) … oggi, ad un minimo problema, si fanno le valigie e si scappa.
    C’è sempre più voglia di indipendenza, meno il concetto di famiglia e vedendo i ragazzini di oggi non si può sperare che le cose cambino.

  5. TEMA SCOTTANTE… IO LO KIAMO AMORE A PROGETTO… COME IL LAVORO FATTO PER FARE UN TRATTO DI STRADA ASSIEME NN PER DURARE TUTTA LA VITA… IO PERO’CI CREDO NELL AMORE ETERNO… KE PERO’ NN ESISTE QUINDI SIAMO SEMPRE LI… UN CANE KE SI MORDE LA CODA…

  6. matti
    tralasciando il fatto ke per interpretare le tue intenzionalità ci vorrebbero 10psikiatri,tengo a specificare ke l’amore fondato su una grande amicizia alle spalle è qullo ke sulla carta è + forte e vero,ma spesso l’eccessiva sicurezza può esser causa di un crollo improvviso….
    il nocciolo dlla questione è la personalità e a parte il pessimismo sociale ke avviene solo in italia e in spagna,credo ke oggi la causa degli equilibri sia dovuta a qsta donna di oggi ke non è + garanzia x l’uomo e qsta cosa lo rende irrazionale e idiota.
    detto tra noi: dietro a qste parole ci sta una tua grossa scottatura.
    il finale lo interpreto cme una persona ke non s’azzarda a muovere un dito xke si skifa a sfiorare la stupidità umana.
    nn penso di averti sopravvalutato…..se ti conosco è qst la verità.
    l’unica csa ke posso sempre suggerirti è quella di mantenere armonia cn te stesso….la stessa ke ho visto in te nel periodo natalizio e ke m’ha reso felicissima.
    te lo giuro.
     
    bu!!!
    p.s.
    nn ti curar delle stupideeeee! :p
     
    p.s.p.s.
    se mi dice male pure stavolta mollo tutto e mi sposo cn te: la dobbiamo far finita cn beautiful!!!
    ahahahhahaha!!!
     

  7. ciao….non ci conosciamo…ma ci tenevo a dirti che sono rimasta particolarmente colpita dalle tue parole…!!!e sono d’accordo con te….
    complimenti….

  8. qui si rischia di fare un trattato…
    credo che, di fatto, sia praticamente impossibile darti torto. e non per una questione di "simpatia", ma perchè effettivamente ciò che dici è vero.. più il tempo passa, più cose vengono a mancare, o nella gran parte dei casi vengono rimpiazzate da "sostituti" per niente degni, ma l’apparenza inganna, si sa, e l’aspetto sentimentale non rappresenta di certo un’eccezione.
    la parola chiave è quella che hai citato tu, "personalità", non voglio essere esuberante nel dire una cosa del genere, ma credo sia ormai diventata merce rarissima e senza prezzo. quando mi guardo intorno, o parlo con altre persone, la prima cosa che esce allo scoperto è la debolezza, i timori che vengono camuffati (molto malamente) rendendo alcuni addirittura ridicoli. la verità è che le persone hanno il terrore di rimanere sole, e per questo motivo si fiondano tra le braccia della prima persona che le stuzzica e che non si fa pregare. trovare qualcuno, uomo o donna che sia, capace di intestardirsi su un altro, di tentare, e soprattutto di ASPETTARE è quasi impossibile, "vabbè te non ci stai, ci provo co n’altra", ecco che cosa vedo io oggi…
    forse mi sbaglio, ma ho sempre creduto che ciò che ammazza una coppia sia l’aspettativa. questo non vuol dire che ci si debba "accontentare", ma ho visto troppe volte ragazze (soprattutto ragazze) intraprendere delle relazioni credendo di poter cambiare qualcuno, e questo mi ha lasciata sbalordita. primo, perchè sono dell’opinione che una persona, raggiunta na certa età, non può cambiare manco con le bombe a mano, e secondo perchè per me è assurdo stare con qualcuno cercando in tutti i modi di cambiarlo. una persona va accettata per quello che è, sia nei pregi, ma soprattutto nei suoi difetti, perchè se si accettano quelli "il gioco è fatto", ma non si può partire dal presupposto di "lavorare per modificarli", fare questo intaccherebbe la stima reciproca, e una coppia senza questo non va avanti manco se la trascinano dai capelli…
    magari se l’uomo facesse veramente "l’uomo" e la donna la piantasse con la menata dell’emancipazione e della parità (che ormai sta diventando quasi superiorità più che parità) allora le cose potrebbero essere diverse.. ma sempre non ne sono sicura, perchè comunque la società di oggi bombarda con delle immagini di situazioni che poi in realtà non esistono, spinge la gente a non fermarsi più, ma a desiderare in continuazione, rendendoci tutti dei frustrati eternamente insoddisfatti. un tempo c’era uno spirito di sacrificio maggiore, ci si adattava, si rinunciava a qualcosa (o a molte cose) "in amore di..", tutte cose che oggi sanno quasi di inconcepibile. quante volte ho sentito dire "ed io dovrei rinunciare a…?? MAI" ma la solitudine è la più grande paura dell’uomo, e così si vedono coppie di estranei che manco hanno voglia di conoscersi, eppure cercano  di completarsi, fino a quando non si mollano alla prima incomprensione, alla prima litigata per il programma da vedere in tv o perchè lei cucina male ‘-.-
     
    più che amore non corrisposto preferirei dire di infatuazioni spacciate per amore… non mi stupisco più davanti alla confusione che si ha a riguardo, nè dinanzi alle reazioni delle persone..la gente non si fa il minimo scrupolo a voltare le spalle, e cosa più vergognosa, a sparire senza dire nulla.. io non ho mai criticato pesantemente chi illude, per quanto non sia di certo un modello da seguire, ma ho messo 80 croci sopra a chi tira il sasso e nasconde la mano senza dire niente. il timore di essere presi per delle merde (cosa che poi accade ugualmente ma "occhio non vede, orecchio non sente, di conseguenza nulla duole") spinge a credere che sparire nel nulla sia la soluzione migliore, senza mai comprendere che questa è una mancanza di rispetto ben peggiore dell’illudere.. e allora non mi si dia torto quando dico che veramente pochi hanno il coraggio di raccogliere le palle e agire.
     
    così hai anche capito perchè sono ormai anni che sto da sola :-D
    un bacionissimo pippaccia!!!!
     
    Ross :*
     

  9. menghia ‘-.-
    pardon…
    oh ma io non ero famosa per i papiri che ti lasciavo????
    siccome IO SO che ne sentivi la mancanza ecc ecc ecc..
    (ti giuro che mi ha fatto impressione la lunghezza del commento -.-)

  10. Veramente bello il tuo imtervento… secondo me sono giuste un pò tutte le cose che hai detto, di sicuro all’inizio c’è un’attrazione fisica, poi dovrebbe arrivare la fiducia e la voglia di conoscersi e mostrarsi per quello che si è! però spesso scatta la paura di non piacere più all’altro allora si cerca di essere come l’altro si aspetta che siamo… così ne va di mezzo la nostra fragile personalità. Col tempo diventiamo qualcuno che non siamo noi, non ci riconosciamo e non ci amiamo più. L’errore che spesso si fa è quello di incolpare lìaltro per ciò che ci è successo ma i veri colpevoli siamo noi e le nostre frailità e paure.
    Già la paura di restare soli, di non trovare nessuno che ci ami incondizionatamente come quell’amore che abbiamo ricevuto da bambini, da nostra madre. perchè noi siamo cresciuti in quell’amoe materno che ci arrivava sempre.
    Sai cosa fanno quelli che scelgono sotto l’influsso di questa paura? ….. si accontentano, scelgono una persona in base ad una prima attrazione fisica ma poi quando la conoscono meglio e scoprono che ci sono alcune cose che non vanno bene non riescono a lasciarla andare e cercano, o si illudono, che cambieranno, oppure pensano che tutto sommato è meno peggio di altre.
    Allora caro Piovra…. ti faccio io una domanda, anzi due:
    1) che cosa è meglio o peggio per te… soffrire la solitudine e la mancanza diun grande amore o essere felici a metà con un amore che non è proprio quello che vorresti?
    2)cosa ne pensi del mio commento?
    CIAO ^_^
     

  11. Caro Matt,
    ti rispondo domani, a mente lucida…, perchè adesso mi verrebbe solo da dire che la personalità io la vedo….eccome mio caro, solo che la vedo piu’ nelle donne che negli uomini!
    Noi donne ehh….non sappiamo piu’ stare al nostro posto…troppe ambizioni, troppi traguardi da raggiungere, troppa prevaricazione su tutto e sui modi di fare "all’antica"…come dici tu!!!
    Troppi INTERESSI invece, vuoi forse negare che non ci sono coppie basate solo sull’interesse reciproco?
    va be’ davvero ci vorrebbe un papiro qui….ti dico solo che col tempo le persone cambiano, le esigenze cambiano, i punti di vista sono differenti da quelli che si avevavo in altre situazioni!
    Resta il fatto che per queste "nuove generazioni", i valori in cui credere sono un utopia…a meno che non si parli la lingua della tecnoogia, delle firme, dei soldi e del sesso!!!!!
    E come pretendi che si possa riuscire a comunicare o tanto peggio a rapportarsi agli altri…
    Che tristezza desolante……
     
     

  12. io mi rifiuto di generalizzare del tutto,farò solo alcune considerazioni speerando non siano ripetizioni delle più autorevoli sotto.Vanno bene tutte le considerazioni sul mondo di oggi che spinge a rapporti usa e getta,va bene tutto però io in giro e ne ho viste di situazioni e non vedo proprio tanta superficialità.Vedo persone a cui è stato instillato un sano pessimismo cosmico,un senso di acccontentati se no rimani solo e va bene lo avete detto.Una cosa però non condivido del tutto e cioè pensare al passato come un mondo bucolico in cui esisteva l’Amore.Forse se nelle famiglie di oggi non si sa cosa vogliaa dire amare,essere fedeli ,affronatre con pazienza ed insieme le difficoltà ,vuol dire pure che grandi esempi in famiglia non ce ne sono stati.Non è che prima esistevano le famiglie mulino bianco ed ora solo quelle tipo beautiful…la diversità sta nel fatto che i panni sporchi si lavavano in famiglia e molte donne e uomini costretti a rimanere nel pantano diventavano ombre di se stessi e non trasmettevano nessu esempio di amore alle future generazioni.La verità è che il vero amore è stato sempre raro,mi riempie di gioia vedere coppiette di 70 anni che ancora parlano di cose da fare insieme,ma sono rare.Il collante poi non sono solo i valori familiari,ma i contesti culturali.Io batto su quello perchè l’istinto dell’uomo(intendo anche la donna) non è certo quello di essere fedele e stabile, è biologicamente programmato diversamente.Faccio evidentemente riferimento ai numerosi documentari di Quark visti.Una volta si parlava del colpo di fulmine,perchè ,dai ,grosso modo ce lo aspettiamo così:sguardo fulminante,ci si riconosce tra mille e non ci si lascia più,la verità è un’altra.Infatti alcuni attributi come il bell’aspetto ,intendo quello che è bello pure sotto al trucco e gli abiti firmati,va gradualmente ad essere sostituito da interessi in comune,culturali e non ed in questo la società moderna ci aiuta,insomma se non fossero cambiati un tantinello i tempi diciamoci la verità i cessetti e le cessete starebbero ancora a pascolare tra musei e biblioteche…io vedo molte persone con un palmo così di personalità,di unicità.. le ascolto e cerco di imparare…è vero che è tutto un grosso fast-food ma invece di lamentarsi bisognerebbe solo imparare a governare i tempi e a deciderli da soli.Gli esempi e i resoconti degli amici certo non ti aiutano a non sbagliare,ad incaponirti di una certa persona…io credo che tutto quello che abbiate scritto descriva solo parzialmente il mondo attuale.Non voglio fare la voce fuori dal coro solo per rendere + originale il mio post ma vi lascio un senso di ottimismo,dopotutto anche se il mondo dei blog è piccolo rispetto al resto ,pensate a quanta voglia esiste di rendersi unici e di riuscire a trovare persone con cui condividere la vita…io ci vedo anche questo nei numerosi blog che sono nati e nascono giornalmente…per quanto riguarda mattia,il tuo intervento sembrava ,è vero, un abbozzo,quasi un riassunto di riflessioni più lunghe ,ma in questo ci vedo molto rispetto per noi che ti leggiamo e commentiamo,è evidente che hai lasciato spazio alle nostre riflessioni per rifletterci tu stesso e per non dare troppe tue convinzioni proprio per certe e assodate,hai tanta voglia di essere sorpreso anche tu,vero?ti auguro che la vita possa farti questo dono nel momento + opportuno,1 abbraccio

  13. io mi rifiuto di generalizzare del tutto,farò solo alcune considerazioni speerando non siano ripetizioni delle più autorevoli sotto.Vanno bene tutte le considerazioni sul mondo di oggi che spinge a rapporti usa e getta,va bene tutto però io in giro e ne ho viste di situazioni e non vedo proprio tanta superficialità.Vedo persone a cui è stato instillato un sano pessimismo cosmico,un senso di acccontentati se no rimani solo e va bene lo avete detto.Una cosa però non condivido del tutto e cioè pensare al passato come un mondo bucolico in cui esisteva l’Amore.Forse se nelle famiglie di oggi non si sa cosa vogliaa dire amare,essere fedeli ,affronatre con pazienza ed insieme le difficoltà ,vuol dire pure che grandi esempi in famiglia non ce ne sono stati.Non è che prima esistevano le famiglie mulino bianco ed ora solo quelle tipo beautiful…la diversità sta nel fatto che i panni sporchi si lavavano in famiglia e molte donne e uomini costretti a rimanere nel pantano diventavano ombre di se stessi e non trasmettevano nessu esempio di amore alle future generazioni.La verità è che il vero amore è stato sempre raro,mi riempie di gioia vedere coppiette di 70 anni che ancora parlano di cose da fare insieme,ma sono rare.Il collante poi non sono solo i valori familiari,ma i contesti culturali.Io batto su quello perchè l’istinto dell’uomo(intendo anche la donna) non è certo quello di essere fedele e stabile, è biologicamente programmato diversamente.Faccio evidentemente riferimento ai numerosi documentari di Quark visti.Una volta si parlava del colpo di fulmine,perchè ,dai ,grosso modo ce lo aspettiamo così:sguardo fulminante,ci si riconosce tra mille e non ci si lascia più,la verità è un’altra.Infatti alcuni attributi come il bell’aspetto ,intendo quello che è bello pure sotto al trucco e gli abiti firmati,va gradualmente ad essere sostituito da interessi in comune,culturali e non ed in questo la società moderna ci aiuta,insomma se non fossero cambiati un tantinello i tempi diciamoci la verità i cessetti e le cessete starebbero ancora a pascolare tra musei e biblioteche…io vedo molte persone con un palmo così di personalità,di unicità.. le ascolto e cerco di imparare…è vero che è tutto un grosso fast-food ma invece di lamentarsi bisognerebbe solo imparare a governare i tempi e a deciderli da soli.Gli esempi e i resoconti degli amici certo non ti aiutano a non sbagliare,ad incaponirti di una certa persona…io credo che tutto quello che abbiate scritto descriva solo parzialmente il mondo attuale.Non voglio fare la voce fuori dal coro solo per rendere + originale il mio post ma vi lascio un senso di ottimismo,dopotutto anche se il mondo dei blog è piccolo rispetto al resto ,pensate a quanta voglia esiste di rendersi unici e di riuscire a trovare persone con cui condividere la vita…io ci vedo anche questo nei numerosi blog che sono nati e nascono giornalmente…per quanto riguarda mattia,il tuo intervento sembrava ,è vero, un abbozzo,quasi un riassunto di riflessioni più lunghe ,ma in questo ci vedo molto rispetto per noi che ti leggiamo e commentiamo,è evidente che hai lasciato spazio alle nostre riflessioni per rifletterci tu stesso e per non dare troppe tue convinzioni proprio per certe e assodate,hai tanta voglia di essere sorpreso anche tu,vero?ti auguro che la vita possa farti questo dono nel momento + opportuno,1 abbraccio

  14. io mi rifiuto di generalizzare del tutto,farò solo alcune considerazioni speerando non siano ripetizioni delle più autorevoli sotto.Vanno bene tutte le considerazioni sul mondo di oggi che spinge a rapporti usa e getta,va bene tutto però io in giro e ne ho viste di situazioni e non vedo proprio tanta superficialità.Vedo persone a cui è stato instillato un sano pessimismo cosmico,un senso di acccontentati se no rimani solo e va bene lo avete detto.Una cosa però non condivido del tutto e cioè pensare al passato come un mondo bucolico in cui esisteva l’Amore.Forse se nelle famiglie di oggi non si sa cosa vogliaa dire amare,essere fedeli ,affronatre con pazienza ed insieme le difficoltà ,vuol dire pure che grandi esempi in famiglia non ce ne sono stati.Non è che prima esistevano le famiglie mulino bianco ed ora solo quelle tipo beautiful…la diversità sta nel fatto che i panni sporchi si lavavano in famiglia e molte donne e uomini costretti a rimanere nel pantano diventavano ombre di se stessi e non trasmettevano nessu esempio di amore alle future generazioni.La verità è che il vero amore è stato sempre raro,mi riempie di gioia vedere coppiette di 70 anni che ancora parlano di cose da fare insieme,ma sono rare.Il collante poi non sono solo i valori familiari,ma i contesti culturali.Io batto su quello perchè l’istinto dell’uomo(intendo anche la donna) non è certo quello di essere fedele e stabile, è biologicamente programmato diversamente.Faccio evidentemente riferimento ai numerosi documentari di Quark visti.Una volta si parlava del colpo di fulmine,perchè ,dai ,grosso modo ce lo aspettiamo così:sguardo fulminante,ci si riconosce tra mille e non ci si lascia più,la verità è un’altra.Infatti alcuni attributi come il bell’aspetto ,intendo quello che è bello pure sotto al trucco e gli abiti firmati,va gradualmente ad essere sostituito da interessi in comune,culturali e non ed in questo la società moderna ci aiuta,insomma se non fossero cambiati un tantinello i tempi diciamoci la verità i cessetti e le cessete starebbero ancora a pascolare tra musei e biblioteche…io vedo molte persone con un palmo così di personalità,di unicità.. le ascolto e cerco di imparare…è vero che è tutto un grosso fast-food ma invece di lamentarsi bisognerebbe solo imparare a governare i tempi e a deciderli da soli.Gli esempi e i resoconti degli amici certo non ti aiutano a non sbagliare,ad incaponirti di una certa persona…io credo che tutto quello che abbiate scritto descriva solo parzialmente il mondo attuale.Non voglio fare la voce fuori dal coro solo per rendere + originale il mio post ma vi lascio un senso di ottimismo,dopotutto anche se il mondo dei blog è piccolo rispetto al resto ,pensate a quanta voglia esiste di rendersi unici e di riuscire a trovare persone con cui condividere la vita…io ci vedo anche questo nei numerosi blog che sono nati e nascono giornalmente…per quanto riguarda mattia,il tuo intervento sembrava ,è vero, un abbozzo,quasi un riassunto di riflessioni più lunghe ,ma in questo ci vedo molto rispetto per noi che ti leggiamo e commentiamo,è evidente che hai lasciato spazio alle nostre riflessioni per rifletterci tu stesso e per non dare troppe tue convinzioni proprio per certe e assodate,hai tanta voglia di essere sorpreso anche tu,vero?ti auguro che la vita possa farti questo dono nel momento + opportuno,1 abbraccio

  15. io mi rifiuto di generalizzare del tutto,farò solo alcune considerazioni speerando non siano ripetizioni delle più autorevoli sotto.Vanno bene tutte le considerazioni sul mondo di oggi che spinge a rapporti usa e getta,va bene tutto però io in giro e ne ho viste di situazioni e non vedo proprio tanta superficialità.Vedo persone a cui è stato instillato un sano pessimismo cosmico,un senso di acccontentati se no rimani solo e va bene lo avete detto.Una cosa però non condivido del tutto e cioè pensare al passato come un mondo bucolico in cui esisteva l’Amore.Forse se nelle famiglie di oggi non si sa cosa vogliaa dire amare,essere fedeli ,affronatre con pazienza ed insieme le difficoltà ,vuol dire pure che grandi esempi in famiglia non ce ne sono stati.Non è che prima esistevano le famiglie mulino bianco ed ora solo quelle tipo beautiful…la diversità sta nel fatto che i panni sporchi si lavavano in famiglia e molte donne e uomini costretti a rimanere nel pantano diventavano ombre di se stessi e non trasmettevano nessu esempio di amore alle future generazioni.La verità è che il vero amore è stato sempre raro,mi riempie di gioia vedere coppiette di 70 anni che ancora parlano di cose da fare insieme,ma sono rare.Il collante poi non sono solo i valori familiari,ma i contesti culturali.Io batto su quello perchè l’istinto dell’uomo(intendo anche la donna) non è certo quello di essere fedele e stabile, è biologicamente programmato diversamente.Faccio evidentemente riferimento ai numerosi documentari di Quark visti.Una volta si parlava del colpo di fulmine,perchè ,dai ,grosso modo ce lo aspettiamo così:sguardo fulminante,ci si riconosce tra mille e non ci si lascia più,la verità è un’altra.Infatti alcuni attributi come il bell’aspetto ,intendo quello che è bello pure sotto al trucco e gli abiti firmati,va gradualmente ad essere sostituito da interessi in comune,culturali e non ed in questo la società moderna ci aiuta,insomma se non fossero cambiati un tantinello i tempi diciamoci la verità i cessetti e le cessete starebbero ancora a pascolare tra musei e biblioteche…io vedo molte persone con un palmo così di personalità,di unicità.. le ascolto e cerco di imparare…è vero che è tutto un grosso fast-food ma invece di lamentarsi bisognerebbe solo imparare a governare i tempi e a deciderli da soli.Gli esempi e i resoconti degli amici certo non ti aiutano a non sbagliare,ad incaponirti di una certa persona…io credo che tutto quello che abbiate scritto descriva solo parzialmente il mondo attuale.Non voglio fare la voce fuori dal coro solo per rendere + originale il mio post ma vi lascio un senso di ottimismo,dopotutto anche se il mondo dei blog è piccolo rispetto al resto ,pensate a quanta voglia esiste di rendersi unici e di riuscire a trovare persone con cui condividere la vita…io ci vedo anche questo nei numerosi blog che sono nati e nascono giornalmente…per quanto riguarda mattia,il tuo intervento sembrava ,è vero, un abbozzo,quasi un riassunto di riflessioni più lunghe ,ma in questo ci vedo molto rispetto per noi che ti leggiamo e commentiamo,è evidente che hai lasciato spazio alle nostre riflessioni per rifletterci tu stesso e per non dare troppe tue convinzioni proprio per certe e assodate,hai tanta voglia di essere sorpreso anche tu,vero?ti auguro che la vita possa farti questo dono nel momento + opportuno,1 abbraccio

  16. Oh mamma che commentoni…
    V’avviso che ho problemi a commentare da voi, quindi vi rispondo qui.
     
    @Ely: ho una forte allergia nel descrivere la superficialità umana. =)
     
    @Ely88k: Il problema è che non vorrei cadere nelle generalizzazioni. E’ vero ciò che dici, comunque.
     
    @Princess_Furby: e ci vuole pure fortuna, diciamocelo!
     
    @Deborah: mi riesce difficile fare paragoni tra ragazzini e adulti, per ovvie ragioni che sappiamo entrambi. Posso solo pronunciarmi nel fatto che empiricamente parlando queste creature hanno fatto quello che i nostri avi facevano da sposati.Il problema è nella libertà d’azione che oggi non conosce nessun limite.
     
    @Bambulell: non in tutti però potrebbe esser visto così. Vedo abbinato ciò che dici in quella tipologia di persone che io non comprendo fino in fondo.
     
    @Vale: (bu pippa scandalosa!) Diciamo che hai azzeccato il problema, però appena provi a sfiorare "qualcosa" ti fanno incazzare.
    E ad una certa me ne sto sulla finestra, nella speranza che ci siano momenti migliori, magari agevolati anche da parte mia.
     
    @Ross e Arelsi: io condivido totalmente ciò che avete detto e replico soltanto una cosa: il problema della società di oggi è tutta in quella libertà che abbiamo. Se la società si decidesse d’imporsi qualche limite, forse faremmo un grosso passo in avanti.Purtroppo è una cosa impossibile, perché a tutti fa comodo avere dei privilegi ed esser liberi di fare ciò che vogliono.
    La colpa è di chi ci ha viziato a questo stato. Ormai la rigidità e il sacrificio sono aspetti lontani e chiedere ad un giovane di autoimporsi dei limiti è come farci un autogoal.Ha ragione Valentina a dire che il problema è soprattutto diffuso qui in Italia. Le tradizioni vanno in contrasto con il progresso.
    L’Italia sta cambiando faccia. Un mare mosso non è eterno ed io interpreto questa situazione come una fase di transizione.
    Il problema è che l’eccessiva, libertà prima o poi, porterà ad un crollo ideologico e qualcosa, per forza di cose, cambierà.
    Quando e come non lo so, ma tutto ha un limite ed oggi si vede troppa zozzeria inammissibile.
     
    @Dolce Mary e Angelo: grazie!
     
    @Laura: 1) io sono del motto "meglio soli che accompagnati". Fai un po’ te! ;D
    2) Approvo a pieno ciò che vedi.
     
    @Manu: non condivido il tuo modo di vedere e non ho lasciato comunque traccia di distinzioni tra uomini e donne. Io parlo di una mentalità regresso, volta a seguire più interessi che guardare gli aspetti umani e caratteriali di una persona.Per me esiste l’uomo coglione come la donna idiota. Non faccio distinzione. Ma dire che la donna ha più personalità dell’uomo di oggi è pura banalità.
    La donna di oggi è talmente emancipata che ormai non conosce più limiti nemmeno nella sua dignità.Questo, credimi, spaventa anche l’uomo che fugge da situazioni in cui non vede la garanzia che una donna dovrebbe dargli.L’uomo tenderà a cercare quegli aspetti in una donna che ricordano la figura materna.Oggi la donna è meno materna di quanto si possa credere, perché a casa non c’è più, lavora e fa la vita con pari diritti a quella dell’uomo.
    I ragazzini che ne escono fuori sono insicuri, vestiti come checche (vienimi a dire che girare con le mutande in vista sia sintomo di maturità e soprattutto di grande personalità) e vedono la donna come un oggetto perché essa non lascia vedere punti di riferimento.
    La donna è stata un punto di riferimento dell’uomo per secoli.
    L’uomo è colpevole di essersi dato un calcio alle palle da solo, lasciando totale emancipazine a questa.
    La libertà di emancipazione in una donna ha i suoi pro e contro.
    Da una parte raggiunge i suoi obiettivi e ottiene la sua autorealizzazione, ma dall’altra trascura gli aspetti domestici, figli compresi.
    Se oggi un ragazzino non ha più fantasia ed è un viziato, è colpa soprattutto dell’acciecato senso egoistico di molte donne che volevano vita migliore.Manca l’educazione e la MAMMA è la prima educatrice di vita in un figlio.Ma qui non è colpa dell’irresponsabilità di questa, ma di questa SOCIETA’ che ha dato diritti e non ha provveduto alle conseguenze.Da una parte devo ringraziare IDDIO che la gente non si sposi più, se poi la conseguenza deve essere quella di lasciare nella loro strada i figli a crescersi da soli.E qui andiamo in un punto essenziale: mancano strutture adeguate ed insegnanti che si sostituiscano all’assenza di questa che per motivi anche ovvi lavora (in uno Stato come questo non basta più una persona che porta i soldi per campare, bensì due!).
    E in tutto ciò, abbi fede, l’uomo stesso è spaventato da questo mancato punto di riferimento che la donna, oggi, non glielo garantisce più!
    Eccolo lì che diventa la prima donna e non è più quello di un tempo.
     
    Ritengo giusto, invece, considerare i fattori contestuali e temporali che possono influire in una coppia, ma a mio parere una persona con tanto di personalità non cambia così facilmente dai contesti. Cambia chi non ha valori forti nel suo bagaglio personale.
     
    RAGAZZI SCUSATEMI ANCORA, MA NON E’ COLPA MIA!!!
    CIAO A TUTTI!

  17. Per l’eccesso di libertà concordo pienamente con te… Ma in questo campo che hai descritto nell’intervento,forse dobbiamo inserirci che le cause di divorzi,e le zozzerie varie in ambito sentimentale che hai menzionato,sono dovute all’eccessiva emancipazione delle donne visto che in larghissima percentuale sono i loro comportamenti la causa determinate che spezza unioni,legami,matrimoni,e via dicendo….Ora come ora il tristissimo termine "l’amore è eterno finchè dura" è purtroppo usato solo da noi uomini,consapevoli che in questa società schifosa,le donne sono diventate inconquistabili ed individualiste… e l’amore stesso,a causa di questo,ha perso quasi tutti i suoi veri valori. Io la vedo in modo molto più pratico e semplice… l’uomo ha lasciato troppo spazio alla donna… ed ora lui è sfruttato.. lei è sfruttatrice! Non c’è più equilibrio… non ci sono più vere donne.. non c’è più vero amore..Ciao

  18. P.S.W il progresso in campo culturale e scientifico…MA W LA TRADIZIONE IN CAMPO FAMILIARE E SENTIMENTALE!

  19. Le persone hanno paura di scoprirsi e di mostrare le proprie debolezze…
    Per paura della solitudine…e per esorcizzare queste insicurezze…si idealizza il primo "bello" di turno…
    Illudendosi profondamente che esso possa essere la soluzione a tutti i problemi…
    Ciò che interessa in un partner è la sicurezza di sè e dei propri mezzi…
    Ma l’uomo è per definizione imperfetto…Quindi o si amano le persone per quello che sono…
    Oppure nessun rapporto potrà durare più di tanto…
    Ciò che bisogna fare è parlare…aprirsi…costruire…esplorare…
    Ciao…buona giornata…
     
    .·**·.¸(¯`·.¸ *βluє Rσsє* ¸.·´¯)¸.·**·.

  20. è triste, ma hai perfettamente ragione, la gente è perlopiù priva di personalità, e cerca di colmare i propri vuoti, ma prima o poi svanisce tutto e quelli che ci stanno male son coloro che con gli occhi chiusi hanno idealizzato una realtà molto diversa, illudendosi, ma è difficile.
    Che dire…meglio restare soli e vivere, magari egoisticamente, ma non si ha perforza bisogno di una persona vicino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + diciotto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mattia Simoncelli

Matt Simon

Mi piace scrivere. Allena la mia mente. Questo blog resta la mia più grande palestra. Tratto principalmente i miei interessi e ciò che ruota intorno al mio lavoro. 
Aspiravo al giornalista sportivo, ma sono finito col fare il fotografo e i siti web da diversi anni ormai.