LA TAVOLATA DELL’IPOCRISIA

E come sedersi davanti alla triade: Moggi, Giraudo e Bettega. E’ come sentirsi in un teatro d’ipocrisia e tutti sono coinvolti in un interesse disperato per non essere inghiottiti dalla solitudine. Ognuno fa ciò che crede, ma io, mi dispiace, sono troppo sincero.
I miei genitori m’ hanno cresciuto dandomi le pizze in faccia, se m’azzardavo a dire una bugia.
Non mi piacciono i doppiogiochisti. Ho visto il massimo dello schifo davanti ai miei occhi, con sorrisi forzati da parte di qualcuna, quando qualche giorno fa’ sentivo dire da dirette fonti che la stessa persona avrebbe dato pareri offensivi verso persone presenti lì sul tavolo. Non è accettabile. E’ disgustoso. Vergognoso. Cerco di essere vero il più possibile e preferisco circondarmi di persone sicure che alzano la propria bandiera e dicono “io so’ io e voi nun siete un cazzo”, anche nei miei confronti, perché dimostrano di essere uomini. Punto il dito contro certe persone, che pur di contare qualcosa, s’appiccicano a tutto a costo di essere false. A casa mia questi comportamenti sono condannati con la totale indifferenza.

Basta con gli scimmiottamenti di persone inutili.

Esprimo la mia totale disapprovazione verso certi atteggiamenti viscidi che oltre ad offendere persone che mi sono vicine, hanno anche il coraggio di sedersi sul mio tavolo. Mancava la congiura e sarebbe stato un teatrino perfetto per fare una bella teatrata in pieno stile tragedia greca. Preferirei dire le cose in faccia, in nome dell’amicizia. Gli scherzi e le battutine sono di chi non ha le palle di dire la verità. E’ uno schifo, da vergogna pura. Ho fatto fuori chi credevo veramente, perché la storia mi ha fatto capire che cerca di fare il paraculo evitando il faccia faccia, è destinato ad esser circondato da persone di merda o da opportunisti. 

La merda della convenienza non è di casa mia, ed è bene che, chiunque abbia a che fare con me, che sia amico, che sia una mia fidanzata, che sia un mio conoscente, lo sappia in anticipo. Ho accettato tutti i pettegolezzi e calunnie di questo mondo alle mie spalle, senza alzare polemica perché ritengo che comunque tutti possono avere una libera opinione, perché le parole sono aria e perché ognuno è libero di credere a ciò che vuole, ma fare i doppiogiochisti con il sottoscritto non lo accetto. Poi, ognuno è libero di fare ciò che vuole, ma io ho fatto l’amico con tutti e quando s’è trattato di difendervi, l’ho fatto perché vi stimavo. Non mi sono mai mosso per opportunismo con nessuno e rispetto qualsiasi modello di vita che ognuno ambisce. Non voglio più vivere certe situazioni. Sedermi nella tavola dei bugiardi non lo posso accettare. Vi ho avvisati, spero che ve ne facciate una buona ragione, perché, ripeto, questa situazione non è più tollerabile sulla mia pelle.

Ringraziassero Iddio che ho tante di quelle amicizie da esser arrivato a capire tante cose perché io prima d’ora non avevo mai nutrito nessun dubbio su voi.

Saluti a tutti.

0 0 vote
Article Rating

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on tumblr
Share on whatsapp
Share on email
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cristina
26 Giugno 2005 13:03

sante parole…io vivo in una realtà piccola piccola di paesino dove va di moda essere falsi e non prendere mai posizioni su nulla:le ragazze sono facili e i ragazzi ubriaconi…e fuori dal confine si è tutti "anomali". mi capita spesso di parlare di letteratura o arte e quelli che mi… Leggi il resto »

senia
24 Giugno 2005 19:11

/\………/\(= ^ : ^ =) miaooooooooooooooooo(")____(")

Unknown
23 Giugno 2005 02:26

Ehi Matti ho letto il tuo blog e l’ho trovato quasi consolante…Sai come sto messa oggi…Non sei solo a combattere Matti, mi sa ke siamo tanti, sai… :)Stanotte c’è 1 luna piena bellissima e nessuno riuscirà ad offuscarmela ;)Buona notte Mattiae grazie ancora( Vediamo come va a finire… )Tizi

Alex
22 Giugno 2005 21:07

o_O…sei proprio incazzato..!!!chissa che delusione hai avuto per essere cosi’ nero!!Cmq hai il mio appoggio su tutto quello che hai scritto…SACROSANTE VERITA’!!!!Pero’, una domanda nasce spontanea….le persone che vengono a casa tua, si siedono sul tavolo?..o_OChe usanza strana..è tipica romana o solo a casa tua??eheheh….Bacio

Mattia Simoncelli

Matt Simon

Mi piace scrivere. Allena la mia mente. Questo blog resta la mia più grande palestra. Tratto principalmente i miei interessi e ciò che ruota intorno al mio lavoro. 
Aspiravo al giornalista sportivo, ma sono finito col fare il fotografo e i siti web da diversi anni ormai.

4
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x