Roma agli ottavi!

Nessuno lo avrebbe mai detto, eppure la Roma è arrivata prima nel suo girone, ottenendo la qualificazione per gli ottavi. Partita tutt’altro che facile questa col Qarabag, squadra che ha rubato ben 4 punti all’ATM e che ha impensierito noi stessi nel turno di andata. La difficoltà è evidenziata dalle scelte di Di Francesco che schiera la miglior Roma possibile, pur consapevole che qualcuno dei titolarissimi fosse in riserva.
Partita a senso unico, con la Roma ad attaccare e il Qarabag a sfruttare ogni possibilità di contropiede. Si sciupano tante palle goal. Soltanto al secondo tempo si trova un goal “sporchissimo”, con Perotti che insacca di testa la rete della vittoria. La risposta del Qarabag è segnata da un solo colpo di testa pericoloso che però non impensierisce Allisson.
Poi, fischio finale, Roma prima, in testa, a pari punti col Chelsea, ma sopra grazie agli scontri diretti.
Migliore in campo Perotti, l’unico realmente pericoloso davanti. Prestazione un po’ sottotono di quasi tutta la squadra, ma buone le prove di Nainggolan, Strootman e Kolarov. Difesa un po’ troppo molle, ma sufficiente.
Voto 10 a Di Francesco: nessuno, compreso me, avrebbe scommesso su una qualificazione e né tantomeno che la Roma potesse persino arrivare prima di fronte a degli avversari del calibro del Chelsea e ATM. La cosa più bella è vedere il suo realismo a fine partita: “cerchiamo i bei goal e questo non deve succedere. Si vince anche coi goal brutti. Dobbiamo crescere anche su questo.”
Umiltà e tanto realismo, quello che serve in questa piazza dove vincere può diventare un serio ostacolo.
Ora, comunque, testa nella delicata trasferta di Verona, contro il Chievo, per continuare l’avventura nel gruppetto di testa e sperare di poter rubare qualche punto all’Inter e alla Juve.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on tumblr
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Mattia Simoncelli

Matt Simon

Mi piace scrivere. Allena la mia mente. Questo blog resta la mia più grande palestra. Tratto principalmente i miei interessi e ciò che ruota intorno al mio lavoro. 
Aspiravo al giornalista sportivo, ma sono finito col fare il fotografo e i siti web da diversi anni ormai.