Suzuki Jimny, addio!

Cara Jimny, è giunto il tempo di separarci...Ormai si chiude la mia esperienza con questo piccolo fuoristrada.
Come è giusto che sia, pubblicherò al dettaglio le mie impressioni per arrichire le info sulla Jimny in rete.

Partiamo dal confort.
Davanti la vettura si presenta spaziosa e alta. C’è ottimo spazio sia per il guidatore che per il passeggero. Comodo anche il fatto di poggiare la roba (i giornali, tipo) sul cruscotto.
Comodo anche il porta oggetti tra i due sedili, comprendente anche lo spazio per due bicchieri o lattine. Qualche brindisi ce l’ ho fatto lì dentro, quindi è ok.
Comodo e grande il porta documenti. Si chiude a chiave con la chiave per l’accensione.

Dietro  ci possono stare solo due persone. Non è molto spazioso ed è molto criticabile il tutto: per entrare bisogna salire dal lato passeggero anteriore (parliamo di un 3porte) e il sedile, recrinabile, rimettendolo a posto, torna nella posizione standard che è decisamente scomoda per chi ci si deve sedere, quindi tocca ricorrere alla levetta per rimettere lo schienale in una posizione più “umana”.
Buona parte dello spazio viene occupato dai braccioli enormi laterali che non servono praticamente a niente. Anche questi sono dotati di un spazio bicchieri (uno x lato). Il bagagliaio è piccolo e ci entrano massimo tre buste piene della spesa. Soltanto abbassando i sedili posteriori si ottiene il giusto (se non troppo) spazio. Dovute critiche vanno comunque fatte sullo spazio coi sedili abbassati: 1. I braccioli risultano fastidiosi (se devi portare un monitor, devi trovare qualcosa che riduca il dislivello). Gli schienali dei due sedili sfruttano il ribaltamento delle basi: si viene a creare una barriera scomoda che impedisce di sfruttare ulteriore spazio, pur mandando avanti i sedili anteriori. Poi, vicino al portellone (scomoda l’apertura per intero verso dx), ci sono altri due buchetti per avere uno spazio decisamente inutile.
L’aria condizionata rinfresca bene davanti, mentre dietro si soffre se si è esposti al sole.

Passando alla guida, la cosa che sorprende da subito sono i rapporti cortissimi e i consumi piuttosto alti.
Questa vettura, sinceramente, tiene tranquillamente testa ai consumi di un 2.0.
Non ci credete? E se vi dico 60 euro per farmi Roma – Savona?
In autostrada è un’autentica petroliera. Forse questo è il vero punto debole di questa macchina: alti consumi e mediocri prestazioni.
Con tutto lo spazio che si ha nel cofano, ci si aspettava almeno un 1.4.
La scelta di montare un 16v 1.3 non è dato saperlo. Misteri giapponesi, a dire il vero.
La macchina ha una discreta partenza (se non si è in quattro). Ci sono pochi comandi sulla plancia, ma facilmente intuibili.
Buonissima e comodissima su asfalti bagnati la trazione integrale, ma occhio sempre ai consumi.
Le ridotte sono efficacissime. Ho testato la macchina nelle peggiori delle condizioni: neve, strada di campagna e con una pendenza notevole: il comportamento è stato a dir poco sorprendente.
Per il fatto che sia pensata per andare fuori strada, la macchina dondola parecchio sulle buche. Non è il massimo la tenuta sulle curve. Da aver paura in autostrada: mantenersi costanti sui 110km/h diventa d’obbligo se ci tenete alla vostra pelle e al vostro portafoglio. A quella velocità il motore sta bello che buono sui 4000 giri. Questo è per dirvi.
La cosa straordinaria sono gli specchietti retrovisori che io chiamo “monitor” per quanto sono grandi. Con l’ausilio di questi nelle manovre, i parcheggi diventano realmente facili, anche quelli quasi impossibili. Sono entrambi orientabili tramite un piccolo pannellino di controllo alla sx del volante.
Scomodo il fatto che non siano di serie i sensori per il parcheggio. Con la ruota di scorta diventa facile toccare le macchine parcheggiate dietro. Ottima comunque la visibilità nel retro che minimizza questo problema.
Il posto di guida è comodo, ma non si può alzare il sedile e né tantomeno regolare il volante. Il cambio, a parer mio, è un po’ duro. Lo spazio per le gambe è ottimo. Il tachimetro è ben visibile, però sarebbe stato interessante aggiungerci un termometro per la temperatura esterna e un calcolatore dei consumi.
Altra pecca macroscopica sono le casse ridicole per sentirsi la radio. Nemmeno le mie esperienze sulla Mini vecchia (immaginatevi un bordello allucinante nell’abitacolo quando superano appena i 60km/h) ricordano tanta zozzeria.
Pur cambiando le casse con qualcosa di meglio sul mercato e mettendo un autoradio più prestante, le cose non cambiano. Si consiglia/mi consigliarono di mettere un piccolo sub sotto i sedili.
Non so se sia fattibile, ma io non ci ho mai voluto spendere più di tanto su questa macchina e quindi me ne sono fregato.
Concludo la mia impressione con il dettaglio più inspiegabile, orrendo ed incomprensibile di questa macchina: la leva per aprire il bocchettone della benzina.
Io non so chi sia stato l’ingegnere giapponese che ha avuto questa trovata, però vi posso garantire che ancora non ho trovato una risposta a tutto ciò: per aprire il bocchettone devi tenere alzata la leva sotto il sedile guidatore (piede sx) e qualcuno, al tempo stesso, deve andare a spingere il tappo del bocchettone per aprirlo.
Ciò significa che se devi fare benzina da solo, devi ingegnarti a trovare qualcosa che incastri la leva, mantenendola tirata, e poi ricordarti di rimuovere l’oggetto magico dopo aver completato il rifornimento, altrimenti durante il cammino si può riaprire il bocchettone.
Notate bene che questo fatto del bocchettone ha mandato in crisi 8 benzinai su 10. Dopo un po’ questa cosa potrebbe diventare snervante (arrivano a bussarti per capire se sia aperta o meno).
So che tu, lettore, starai ridendo, ma purtroppo le cose stanno realmente così. Una trovata-stronzata del genere su una macchina non l’ ho mai vista in quest’ultimo decennio, lo giuro.

Devo ammettere che la macchina non l’ ho usata nemmeno tanto. Avrà con me almeno 40000 km, percorsi in sei anni. La nota consolante è la sua immortalità. Mi ha dato raramente dei problemi e sono stati comunque ridicoli. La potrei consigliare a chi non ha problemi di portafoglio per fare benzina. Suggerisco la versione a gasolio (la mia era verde perché era l’unica prevista) e soprattutto che si apra tutta, giusto per dare più senso e sfogo a questa macchina che secondo me, nuova, costa anche troppo per quel che offre.
Tenete presente che io bado molto al confort, alle buone prestazioni e ad un consumo che sia umano. Detto ciò, tutt’orecchie se qualcuno ha da chiedermi qualcosa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su email

25 Responses

  1. si vede che ai giapponesi piace contorcersi per far rifornimento:lamia Terios ha lo stesso problema:per aprire lo sportello-rifornimento devo mettere un oggetto sotto la leva!

  2. Caro Piovra, grazie a te rinuncerò perfino all’intenzione che avevo di andare a fare un drive-test. Di questi tempi i bassi consumi sono un dato essenziale per l’acquisto di una vettura. Poi tu parli di una versione “aperta”: come mai nel sito ufficiale non si parla di versione aperta nè tantomeno di versione diesel?
    Ciao.
    Aldo.

  3. @aldo: Temo che abbiano interrotto la produzione, ma non so dirti nulla di certo. Ad ogni modo se cerchi “Jimny cabrio” la trovi.
    Sì, purtroppo il consumo è atroce. Io adesso giro con un Qashqai che è il doppio in tutto (motore compreso), eppure consuma meno del Jimny. Assurdo, ma vero.

  4. caro mattia,sono un ispettore di controlli qualita’ per le varie case automobilistiche dalla ferrari alla chery,posso evidenziare l’argomento suzuki jimny perche ho il dossier in mano della vettura,lo stabilimento posso dirti che ne sono state prodotte da due fabbriche giappone-spagna in collaborazione seat per aiuto manodopera inizi 2004,entrambe hanno dato risultati brillanti per la jimny,non consuma ,i test hanno evidenziato che il suo consumo è 17 circa a litro,carrozzeria ben lineata alle curve con pochi lievi errori sinuosidali vettura,interni post braccioli comodi posto x 2 persone,non esiste dai nostri dati il risultato di un portabagagli perche non vi è pratico quindi inutilizzabile al maximo di 3 casse d’acqua e 3 sacchetti su qsto ti do’ ragione ,ma riguardo motore (renault f1 modello clio x la 2004 diesel)non di vecchia generazione ne di ultima una via di mezzo almeno è eurocap,riguardo lamacchina che dondola mi sa che ti confondi con altre vetture non mi risulta nulla di questo ti posso dire anzi che è molto ferma al suolo lo testo spesso da un mio amico ,la visuale posteriore con la ruota post scorta non crea problemi,i sensori posteggio accessori con quota in piu’ si possono avere anche quelli per la pioggia,per lo sportellino benzina preferisci spendere 13 euri x un filo oppure 60 euri per apparecchio automatico?la vettura ha un modello di elettronica vecchio quindi si è basato su uno stile vecchio anche di apertura sedili,apertura carburante sportellino,posso dare le ipotesi se è da acquistarla oppure no’ io da documenti è mio coinvolgimento nei test,e usata da un amico che vedo spesso,la vettura è utile sia x uomini, donne ,giovani, anziani, ma eviterei persone alte,corporatura grossa,e che non serve molto spazio per il portabagagli per il resto è ottima dal uso lavoro casa a asfalto montagne fangose,pezzi ricambi economici,buon rendimento 4×4,ottimi consumi,impianto delphi iniettori ottimo,impianto elettrico denso ottimo,materiale interno buono le plastiche rigidehanno pochi spazi di rottura.chi vuol sapere m contatti marianomax@live.it

  5. @max
    Rispondo rapidamente:
    – Sui consumi, cito un articolo che in qualche modo va a sostenere la mia esperienza – http://borgomeo.blogautore.repubblica.it/2009/07/26/inchiesta-consumi-suzuki-jimny/.
    – Sulla stabilità: credo sia uno dei motivi principali per cui ho rifiutato di farci diversi viaggi. E’ massacrante. La tenuta non è affatto un granché in autostrada. Sul resto già ho scritto abbastanza.
    Certo, se esistono accessori o modifiche che migliorano le prestazioni dell’auto, diventa tutto discutibile, ma la mia versione base ha dato queste impressioni e ha mostrato soprattutto in autostrada questi limiti. Ho guidato un 806 2.0 turbo, che è un bel bidone sulla tenuta, eppure mi dava decisamente più stabilità.
    Per qualcuno – malato cronico di auto – la cosa è del tutto normale, giacché si sta parlando di una macchina che è pensata per lo sterrato e sentieri estremi. Non può montare, per ovvie ragioni, le sospensioni di una z4, ergo che dia quelle sensazioni, considerato il piccolo abitacolo, è del tutto normale. E lo è ancor di più se proprio fuori strada si fa valere nei tratti più complessi per la guida.
    – I sensori si possono comprare pure dai cinesi, ormai. Il problema è di tipo collettivo: suv o macchine con ruota di scorta, hanno questo problema nei parcheggi. Ci si deve far l’occhio, ma questo è stato un problema minimo, per quanto mi riguarda.
    – Bocchettone benzina: la vettura, come scritto sul post, l’ho comprata usata e l’ho pagata anche caro. Vergognoso ancora di più, ora che mi sveli sta chicca, che ci sia un optional per l’apertura elettrica di un bocchettone! Siamo nel 2012 e offri, tu Suzuki, una cosa del genere tra gli optional di una macchina che COSTA 15000? Stamo boni, per favore, che questa è una cosa degna delle hit parade delle più cagate sfornate dalle case automobilistiche…
    – I ricambi: manco per il cavolo economici. Pezzi importati che ti disintegrano il portafoglio. Stiamo del resto parlando di una casa giapponese, non italiana. Ci sta. Ma non diciamo economici perché è una gran presa per i fondelli.
    Concludendo, il fatto che tu venga qui a dire di essere un ispettore (società per cui lavori?) e non parlare dei difetti dell’auto lascia molto da pensare. Non vorrei che la Suzuki, causa poche vendite del prodotto, stia mandando i propri web marketing manager in giro per la rete a contrastare ogni genere di opinione negativa sull’auto in questione.
    Purtroppo, ripeto, la mia esperienza non è stata felice. E’ un auto adatta per chi vive nei paesini di montagna, ma non per città, dove i consumi sono un problema per l’80% dell’auto, sennò non si spiegherebbe manco il perché la gente si vada a comprare, oggi e soprattutto nelle grandi città, vetture-giocattolo tipo le smart o simili.
    Saluti.

  6. Scusate se arrivo tardi.ho la jimny da 4 anni e devo dire che con la neve strerrato e fango(l’auto e’ originale dalle gomme al motore)e’ fantastica,il consumo ci sta io col 1300 a benzina arrivo agli 8 al litro andando a 60/70 km/h,e’ comoda in citta’ sicuramente,se piove in curva dai gas col trazione dietro ovviamente sbanda (come le trazioni dietro)e non e’ un’auto da comprare per andare in vacanza o da rappresentante,non compreresti un monovulume con tutti i confort e poi ti lamenti se nel bosco rimani impantanato,e’ solo questa la mia teoria,la compri perche’ hai motivo di usarla.
    Concludendo se un’auto cosi’ piccola che consuma parecchio(dovuto al peso)che sbanda in curva sul bagnato USATA DEL 2000 LA VENDONO ANCORA A € 5000 e non €500 come le altre CI SARA’ UN MOTIVO …….NON TROVATE??????????

  7. @fabrizio:
    1) 1 litro ogni 8 km lo ottieni come minimo con un 2.0. e guida sportiva. E’ tanto, semmai.
    2) Esiste anche la versione cabrio, pensata proprio per le località estive. La variante lascia pensare che in realtà questa macchina possa persino andare sulla sabbia. In molte località estive, tipo Formentera o Ibiza, ce ne sono una marea che vengono affittate.
    3) L’ho comprata perché si parlava di consumi leggermente inferiori di quelli che poi ho vissuto in prima persona su strada. La mia opinione, lo ribadisco, è confinata sull’utilizzo urbano e in autostrada. In quest’ultima l’ho bocciata con piena insufficienza poiché la sua stabilità è minima. E’ pensata per andare fuori strada, punto. A Roma soffre le disgrazie del traffico e dei parcheggi. Non è da comprare, almeno qui. E’ certo che se abitassi a Subiaco, allora sarebbe tutt’altro discorso, anche se 15000 Euro sono una tombola per quello che offre.
    Con 3000 E. in più ti compri Crossover di base nettamente superiori al Jimny. Purtroppo è così e lo dico per esperienza personale.
    4) Oltre i 10 anni la trovi anche a 4000, ma il punto non è questo: costa in partenza 15’000 ed è molto usata nelle località di montagna, questo spiega il buon mercato che c’è nell’usato, soprattutto fuori città.
    Saluti.

  8. possessore di un jimny del 2010 ddis,motore renault 1,5 diesel ,posso dire come macchina originale dà molte soddisfazioni,con la neve si ferma solo oltre i 5o cm , come consumi andando piano non è così assurda dovrebbe arrivare ai 16 litro anche più ,ottima per una coppia senza bambini in due si stà benissimo, per quando riguarda il cofano è piccolino ma abbattendo i seggiolini si ha quel che si vuole ,mettendo le ridotte diventa un mulo,l unica cosa che mi dispiace e che non ho trovato il bracciolo portaoggetti e che non abbia i blocchi differenziali ,ma per l uso umano è più che sufficiente

  9. Mia Jimny diesel ferma da 4 mesi perch non si accende. Non si trova guato. Perché?

  10. io ho il modello a benzina che è uscito per i 100 anni suzuki, sono stracontento, sapevo prima che è un pò rumorosa, che consuma più di una utilitaria, ecc. ecc. ma fortunatamente riesco a fare benzina da solo, la levetta funziona benissimo. Ciao a tutti. Sergio.

  11. Per quanto riguarda la leva della benzina sono sicuro che è un difetto della tua… la mia ha 13 anni e se tiro la leva sotto al sedile sx, lo sportellino si apre da solo, anche altre di conoscenti funzionano così, come su tutte le macchine che hanno questo sistema… non bisogna incastrare nulla né essere in due per aprirlo… fossi in te editerei il post :-)

    Per quanto riguarda i consumi, io faccio anche i 12 al litro… certo che se vai in giro col piede pesante e cambi a 6000 giri, è un attimo fare i 10 o peggio.

  12. @Cr
    Non lo posso escludere che sia un difetto (non sono l’unico se leggi tutti i commenti), ma al terzo tagliando all’officina della Suzuki (Boccea) non mi dissero nulla a proposito, pur segnalandolo.
    I consumi sono alti rispetto alla media della sua cilindrata, sempre che stiamo parlando della 1.3 a benzina. Guido un Mini 1.6 BMW, a benzina, e per consumare quanto il Suzuki mi ci devo impegnare su strada. Onesto, è una macchina valida fuori strada ed è lì che ho trovato le migliori soddisfazioni, ma in città soffre e ancor peggio a Roma dove andare in terza è diventato quasi un lusso. Il resto sono vedute personali.

  13. Io non lavoro x la Suzuki, io lavoro x tutte le case automobilistiche volevo precisare che il jimny lo possiedo e che si tratta di un fuoristrada con consumi bassi/gasolio/ bisogna nelle cose testarle non leggerle su articoli chissà di chi,riguardo la stabilità sei fuori argomento… I fuoristrada sono tutti progettati come le altre vetture,certo se fai strade con manto stradale non allineato,gomme. Non gonfie mi pare logico!i ricambi costano come le altre case automobilistiche! Ma quali sarebbero le case automobilistiche italiane fammi capire!!!Fiat? Solo la fabbrica dei logo e italiana,il serbatoio,ammortizzatore,il resto un po di Cina,Turchia,Germania ect…il Suzuki jimny che difetti seri presenta?nessuno! Anomalie ripetitive?nessun riscontro nessun risultato porta ad avere un anomalia con maggiori guasti di un determinato ricambio! Come x tutte le auto da 170.000 km inizi a sostituire ricambi costosi!

  14. @Mariano
    [QUOTE]Io non lavoro x la Suzuki, io lavoro x tutte le case automobilistiche volevo precisare che il jimny lo possiedo e che si tratta di un fuoristrada con consumi bassi/gasolio/ bisogna nelle cose testarle non leggerle su articoli chissà di chi,[/QUOTE]

    Io ho parlato della versione a benzina, non a gasolio ed è stata un’esperienza durata cinque anni.

    [QUOTE]riguardo la stabilità sei fuori argomento… I fuoristrada sono tutti progettati come le altre vetture,certo se fai strade con manto stradale non allineato,gomme. Non gonfie mi pare logico![/QUOTE]

    Qui ti sbagli. Ogni vettura ha una sua stabilità. Se una vettura ha un baricentro basso e con sospensioni rigide, è pensata per una guida sportiva. Al contrario, un’auto come una Jimny è pensata per affrontare soprattutto gli sterrati più impegnativi e di conseguenza non possono mettere delle sospensioni rigide… Le gomme… queste sono tue convinzioni. Io le controllo periodicamente e stavano ottimamente. Mi pare chiaro che da questa mia tesi, sia più facile criticarla se questa venga utilizzata per la città. Se uno la usa in campagna ed è abituato ad affrontare strade sterrate o persino con manto nevoso, allora è un ottimo fuoristrada. Non vedo cosa c’è di strano nella mia osservazione…

    [QUOTE]i ricambi costano come le altre case automobilistiche! Ma quali sarebbero le case automobilistiche italiane fammi capire!!!Fiat? Solo la fabbrica dei logo e italiana,il serbatoio,ammortizzatore,il resto un po di Cina,Turchia,Germania ect…[/QUOTE]

    Ognuno ha i suoi costi, certamente, ma quelli di quest’auto sono cari. Gli accessori, poi, meglio non parlarne. Si discute tanto, per l’appunto, di case automobilistiche europee che scippano i propri clienti con gli accessori, ma a me non pare da meno la Suzuki.

    [QUOTE]il Suzuki jimny che difetti seri presenta?nessuno! Anomalie ripetitive?nessun riscontro nessun risultato porta ad avere un anomalia con maggiori guasti di un determinato ricambio! Come x tutte le auto da 170.000 km inizi a sostituire ricambi costosi![/QUOTE]

    Ne ha di difetti, ma queste sono opinioni personali. La mia auto, pur avendola tenuta 5 anni, ha percorso con me 50’000km, facendo regolarmente i tre tagliandi previsti sulle mete indicate, quindi non so per quale motivo mi hai tirato fuori questo chilometraggio di oltre 100’000 km (ci ho fatto solo un viaggio su quest’auto, per fortuna!).
    Probabilmente sarai un rivenditore di auto e ti turberà questa mia impressione, ma onestamente parlando ribadisco di non essere rimasto particolarmente impressionato da quest’auto. Ho attualmente un Mini Cooper e Nissan Qashqai: altro pianeta. L’unico rimpianto che ho di quell’auto – guarda caso – è proprio la sua capacità di affrontare senza alcun problema situazioni particolarmente impegnative, tipo la neve che qui a Roma comunque rimane un evento raro. Non sorprende da ciò se a Roma se ne vedano poche, al contrario dei paesi in montagna.

  15. guarda che io non sono un rivenditore,sono ispettore di qualita’ automotive,giro tutti gli stabilimenti italiani,europei,extraeuropei, se difendo la vettura in questione non è solo perche’ possiedo il mezzo che uso spesso in off road visto che abito in zone montuose,ma perche’ scrivi cose non vere.
    tutte le vetture a benzina hanno un consumo elevato almeno che parli di cilindrate piccole,il jimny monta ammortizzatori con poca escursione è rigidi specialmente anteriori ecco perche’ se fai molto off road per evitare troppo movimento interno c’è chi li sostituisce ma solo a scopo di comodita’,poi se tu acquisti fuoristrada per uso cittadino.. la risposta te la dai solo..ti avevo accennato il kilometraggio perche’ quei km sono circa km dove iniziano seri guasti,cmq i mezzi che ti sei comprato sono lattine pressate come motore, quindi mi sa che non sai fare scelte giuste negli acquisti,ti consiglio anzi consiglio a tutti vivamente di seguire la regola fondamentale :mai acquistare i mezzi appena messi in vendita(non è il tuo caso),prima informarsi anche con l uso di internet per vedere se vi sono anomalie , come nel caso della mini cooper (anomalie elettriche e altro) come nel caso qashqai(bronzine,rumori,filtro ect.. la lista è lunga)

  16. tutte le vetture a benzina hanno un consumo elevato almeno che parli di cilindrate piccole

    appunto, la Jimny rispetto alla media ce l’ha elevato.

    poi se tu acquisti fuoristrada per uso cittadino.. la risposta te la dai solo

    Capirai, a Roma ce ne sono migliaia, ma c’è chi pretende più versatilità e in questo senso, visto che ti giri gli stabilimenti di tutta Italia, dovresti sapere che le case automobilistiche ormai puntano ai compromessi.

    ti avevo accennato il kilometraggio perche’ quei km sono circa km dove iniziano seri guasti,cmq i mezzi che ti sei comprato sono lattine pressate come motore

    Per favore, non le dire le stronzate. Mai avuto un problema grave, specie con la Nissan che non a caso è stato il crossover più venduto per diversi anni.

    consiglio a tutti vivamente di seguire la regola fondamentale :mai acquistare i mezzi appena messi in vendita(non è il tuo caso)

    L’usato ha le sue incognite a qualsiasi chilometraggio. Non c’è una regola universale. Conosco tante persone che rivendono le proprie auto dopo nemmeno due anni.

    prima informarsi anche con l uso di internet per vedere se vi sono anomalie , come nel caso della mini cooper (anomalie elettriche e altro) come nel caso qashqai(bronzine,rumori,filtro ect.. la lista è lunga)

    A parte che nei forum ci scrivono cani, porci e nabbi d’ogni genere, ma tutte le auto hanno i loro difetti, compresa la Jimny. Detto ciò, con una buona manutenzione si va lontano con qualunque mezzo: con queste tre auto non c’ho mai avuto un problema, a parte cazzatelle elettriche che dopo anni è normale possano esserci.
    Mini, Qashqai… nessun difetto. Certo, se poi la gente mette l’olio alla cazzo di cane o non fa regolari tagliandi alle proprie auto solo per un discorso di risparmio, poi è normale che i problemi vengano a galla, ma da qui a demonizzare le auto in questione e far passare la Suzuky come l’auto indistruttibile e perfetta, beh scusami tanto ma sa tanto di troll.
    Sarebbe interessante a questo punto capire per quale azienda lavori, così per capire… ;-)
    Saluti

  17. Salve,
    ho il Jimny 1,5 TD dal 2007 km 74000 gomme Michelin Latitude: problemi di vibrazioni esagerate all’avantreno (come tanti altri, purtroppo..) risolti con ammortizzatore di sterzo (la Suzuki non riconosce il difetto!), consumo 10km/l medio, vibrazioni degli interni da qualche tempo. Nessun altro problema.
    Sono complessivamente soddisfatto del mezzo che però oggi mi ha un po’ deluso per non essere riuscito, abbiamo provato in due, a salire una pendenza innevata fuoristrada non eccessiva (pressione 1,6bar forse alta?), dove invece è passata senza problemi la Toyota Hilux del mio amico! Comunque la ricomprerei anche perché, visto il successo di vendite, si svaluta poco ed è facilmente rivendibile.
    Ps il sistema di apertura dello sportello carburante funziona egregiamente

  18. @Mariano stai trollando in maniera esagerata e forse dovresti imparare ad accettare vedute diverse dalla tua. Senza rancori, non accetto le offese gratuite.

  19. @Nicarl05: A sto punto, devo rassegnarmi all’idea che il tappo del carburante fosse difettoso. Confermo sulla valutazione del mezzo. Non l’ho evidenziato, ma anche il mio è stato valutato egregiamente nonostante avesse ben otto anni. Ciao!

  20. Volevo solo suggerire ai possessori del jimny di non usare mai il 4×4 sull’asfalto bagnato, neppure quando piove…

    Ps; i problemi di consumo li ho risolti con il GPL, prima andava piano ora è una lumaca, pero’ economa…!!!
    Saluti

  21. Mi sembra che tu abbia proprio sbagliato acquisto. I difetti ne hanno tutte!!!
    Inoltre fai paragoni sbagliati: pretendete consumi minimi e confort da un fuoristrada…nn mi sembra logico. Lo paragoni con le auto ma è sbagliato. Devi farlo categoria per categoria. Il prezzo alto? Si..è vero..ma quanto costa una 500…?tu vorresti un fuoristrada con consumi da utilitaria e prestazioni da sportiva…e magari di fare guadi di 50 cm e sterrati. Ecc ecc . Poi…i difetti che riporti…sono statistici o solo tuoi? Pensa che avevo una scenic alla quale si sono rotti i supporti di plastica degli alzacristalli…2 volte a portiera….questi sono i difetti che fanno inc…:-)

  22. I consumi sono alti con la verde, ma non so se stiamo parlando della stessa versione. Per quanto mi riguarda, un 1.3 non può consumare così tanto, soprattutto nel consumo extraurbano. Sicuramente il diesel è già un’altra storia.

  23. La Jimny Shinsei é perfetta . Mi piacerebbe solo montare un ammortizzatore di sterzo e la possibilità di neutralizzare il piccolo bagagliaio facendo scorrere indietro i sedili posteriori.
    Salve a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mattia Simoncelli

Matt Simon

Mi piace scrivere. Allena la mia mente. Questo blog resta la mia più grande palestra. Tratto principalmente i miei interessi e ciò che ruota intorno al mio lavoro. 
Aspiravo al giornalista sportivo, ma sono finito col fare il fotografo e i siti web da diversi anni ormai.