tumblr nsfw

Tumblr e la sua nuova Policy

Come accennato nel post precedente, Tumblr è stato investito da una vera e propria bufera riguardo i contenuti espliciti che circolavano all’interno della sua comunità. Al centro delle attenzioni sono stati soprattutto i contenuti pedo-pornografici. Ci ritroviamo dunque all’ennesima situazione in cui la piena libertà offerta da un servizio finisca poi con l’essere sfruttata per scopi malevoli. Il social è stato oscurato dall’Indonesia e l’app ufficiale è stata persino rimossa dagli Apple Store. Oath Inc., che è la società che gestisce non solo Tumblr, ma anche Yahoo!, ha subito replicato promettendo la rimozione sia dei contenuti segnalati che dell’opzione-filtro che permetteva al Tumblr di essere visibile ad un pubblico esclusivamente adulto.

Qui, le FAQ sul nuovo regolamento

Dunque, le nuove linee guida indicano come contenuti accettati esclusivamente i seguenti: il nudo artistico, quello ritratto nelle manifestazioni o nei contenuti politici, i capezzoli delle madri che allattano i figli, situazioni di salute, la chirurgia, il nudo scientifico o i contenuti erotici scritti. In altre parole, niente più erotismo, porno o  nudo esplicito.

Tumblr, attraverso un software dedicato, ha già segnalato ai proprietari i contenuti ritenuti inappropriati nella sua nuova politica e li ha resi visibili solo ad essi. Si può sempre presentare ricorso qualora ci fossero degli errori di valutazione, cosa per altro possibile essendo fatto tutto attraverso dei filtri pre-configurati. I blog che erano già espliciti prima di questo cambiamento resteranno filtrati e nella nuova policy di Tumblr altri contenuti ritenuti contro il regolamento saranno filtrati e l’autore sarà avvisato via e-mail.

Questo nuovo regolamento, modificato il 17 Dicembre nella privacy policy generale, ha di fatto ripristinato la situazione: è tornata già in circolazione l’app ufficiale nell’Apple Store e adesso Tumblr è tornato visibile anche in Indonesia.

Rimane ora soltanto l’ultimo grande problema: che conseguenze avrà con la comunità la nuova policy? Sappiamo bene che Tumblr è tra le piazze dei creativi più note del web e tra le tante peculiarità molto apprezzate c’era proprio quella di poter pubblicare contenuti esclusivamente per adulti (NSFW). La rimozione dei contenuti più spinti, che già sta facendo discutere nella comunità, è sembrata una scelta obbligata da parte dell’azienda che altrimenti rischiava gravi conseguenze. Proprio per questa ragione è assai remota l’ipotesi che possa tornare sui suoi passi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =

Mattia Simoncelli

Matt Simon

Mi piace scrivere. Allena la mia mente. Questo blog resta la mia più grande palestra. Tratto principalmente i miei interessi e ciò che ruota intorno al mio lavoro. 
Aspiravo al giornalista sportivo, ma sono finito col fare il fotografo e i siti web da diversi anni ormai.